1 Agosto senza frontiere

All’irresponsabilità di chi vuole e costruisce muri alle frontiere contrapponiamo il nostro essere aperti e solidali, accoglienti e generosi, ospitali verso chi fugge dalle guerre e dalla miseria in cerca di una vita piena di dignità e rispetto.

Questo primo d’agosto senza frontiere si pone come obiettivo un momento in cui evidenziare quelli che per noi sono i principi che hanno fatto della Svizzera una terra d’accoglienza, di integrazione, di protezione, di apertura, di rispetto per le minoranze.

Vogliamo smarcarci da coloro che attendono con ansia l’ennesima occasione per ribadire litanie che fomentano xenofobia e odio, con discorsi retorici, nazionalisti e populisti.

Vogliamo festeggiare una Svizzera aperta a migranti e richiedenti l’asilo, contraria alle esportazioni di armi, allo sfruttamento dei lavoratori e delle lavoratrici, solidale con le organizzazioni che hanno a cuore il Sud di questo martoriato pianeta.

La Terra che vogliamo comprende una Svizzera ricca delle culture che la popolano, ospitale e aperta, con le mani tese e i sorrisi volti al resto del mondo, umanitaria.

fronte primo agosto chiasso

retro primo agosto chiasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
16 − 4 =