I giochi d’azzardo possono creare dipendenze, limitiamo i danni!

Il parlamento federale ha accettato une nuova legge sui giochi in denaro, quest’ultima propone di permettere ai casinò svizzeri di accedere al mercato dei giochi d’azzardo on-line. Operazione non permessa dalla legge attualmente in vigore. La nuova legge vuole inoltre bloccare ai siti delle case da gioco straniere l’accesso al mercato svizzero.

Il problema di queste case da gioco on-line è che, non avendo una base fiscale in Svizzera, non sottostanno alle leggi federali elvetiche e non pagano dunque alcun tipo di tassa nel nostro territorio.

Di conseguenza, secondo le stime fatte dalla Confederazione, ogni anno 250 milioni di franchi sfuggono all’imposizione fiscale.

Bisogna poi considerare che i soldi provenienti da lotterie e casinò tradizionali, ai quali potrebbero aggiungersi quelli percepiti attraverso i giochi on-line, sono in parte versati a sostegno dell’AVS, l’AI ed altre organizzazioni d’utilità pubblica che si occupano di progetti culturali, sociali e sportivi. Questo contributo garantisce ogni anno l’equivalente a 1 miliardo di franchi che vengono distribuiti per il bene comune. Non sorprende quindi che i principali attori culturali sostengano questa legge e si oppongano alla privatizzazione e liberalizzazione dei giochi d’azzardo voluta da coloro che sono contro questa modifica.

Più prevenzione

Un altro scopo della proibizione prevista dalla nuova legge è di proteggere meglio i consumatori contro le frequenti truffe che caratterizzano spesso questo tipo di piattaforme on-line. Ma per noi del POP, l’aspetto che ci sembra primordiale, è che questa legge andrà a rafforzare la protezione e la prevenzione contro la dipendenza dai giochi d’azzardo, comprese le lotterie. Un dipendenza che può rovinare delle vite e che concerne nella maggior parte dei casi le fasce più vulnerabili della nostra società. Si tratta quindi di un problema di salute pubblica, più che di una limitazione delle libertà individuali, come conclamano i referendisti.

Per queste ragioni questo 10 giugno invitiamo a votare Sì alla modifica di legge sui giochi in denaro, anche se crediamo che la proibizione di ogni forma di gioco d’azzardo on-line sarebbe più efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
18 − 11 =