Inutili e dannosi: no agli aerei da combattimento!

Al suo Comitato Cantonale il Partito Operaio e Popolare ha deciso di sostenere attivamente il referendum contro il credito per l’acquisto di nuovi aerei di combattimento.

Si tratta di una spesa che supererà i 24 miliardi di franchi fra acquisto e mantenimento per i prossimi dieci anni, soldi che dal nostro punto di vista sarebbe meglio investire in politiche sociali che tutelino veramente gli interessi della classe lavoratrice svizzera.

Ecco gli argomenti principali del comitato referendario:

UNO SPRECO DI SOLDI PUBBLICI

L’acquisto previsto dei nuovi aerei da combattimento è un assegno in bianco dal costo di 6 miliardi di franchi – considerando l’intero periodo d’uso la spesa a carico della popolazione svizzera ammonta addirittura a 24 miliardi di franchi. Soldi che mancheranno nella formazione, nella sanità oppure nella lotta al cambiamento climatico. No a questo spreco di soldi pubblici!

INUTILI

È ovvio che le capacità della polizia aerea della Svizzera devono venir garantiti anche in futuro, ma per fare ciò basterebbe procurarsi dei jet leggeri, dal costo ben inferiore rispetto a questi jet di lusso. Jet leggeri che sarebbero anche migliori dal profilo dell’inquinamento atmosferico e fonico. Purtroppo un simile concetto alternativo non è neanche stato analizzato dal Dipartimento della difesa.

CATASTROFICI DAL PROFILO AMBIENTALE

Il cambiamento climatico è indubbiamente la più grande sfida dell’umanità. In considerazione di ciò l’acquisto di nuovi aerei da combattimento costosi e fortemente inquinanti è insensato – anche perché non ci aiuteranno in alcun modo a combattere l’emergenza climatica.

CLICCATE QUI PER SCARICARE IL FORMULARIO PER LA RACCOLTA FIRME