Postfinance blocca l’invio di danaro a Cuba.

Mozione del nostro deputato Denis De la Reussille al Consiglio nazionale

Oggi non è più possibile inviare soldi a Cuba e questo senza nessun annuncio ufficiale, né da parte di Postfinance né dalla sua proprietaria, la Confederazione!

La direzione di Postfinance ha forse preso una decisione le cui conseguenze sono significative senza informarne i proprietari oppure ne ha ricevuto l’ordine? Ma in ogni caso, questo non è stato comunicato ufficialmente.

Come è possibile che questo avvenga nonostante il fatto che la Svizzera, da anni offre, i suoi buoni uffici nelle relazioni tra Cuba e USA e che fortunatamente il nostro Paese, ogni anno, vota all’ONU per la fine del blocco degli USA imposto a Cuba, contro l’opinione di tutta la comunità internazionale.

1. Il Consiglio federale ha dato l’ordine a PostFinance di mettere fine alle relazioni finanziarie con Cuba?

2. Se l’ordine non viene dalla Confederazione, come può PostFinance prendere una tale decisione, dalle implicazioni economiche e politiche di primaria importanza senza discuterne con i suoi proprietari?

3. Come può intrattenere il Consiglio federale delle relazioni diplomatiche con un Paese e al contempo tagliare ogni relazione bancaria quando, contemporaneamente, la Svizzera offre i suoi buoni-uffici diplomatici per risolvere i problemi tra Cuba e USA?

4. Le banche, sotto pressione degli USA, hanno cessato ogni relazione con Cuba da molti anni. Postfinance era l’ultimo metodo legale per far pervenire dei soldi a Cuba. Il Consiglio federale ritiene forse giudizioso che ora si debba ricorrere a metodi opachi per realizzare queste operazioni?

5. Il Consiglio federale interverrà per ristabilire la situazione precedente e se fosse necessario prendere le misure necessarie nei confronti delle persone responsabili di questa decisione pregiudizievole?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *