Uffici Regionali di Collocamento: così non va!

Convochiamo alla Manifestazione contro gli Uffici Regionali di Collocamento (URC) il Giovedì 28 marzo alle 14.00 davanti all’URC di Lugano, Via S. Gottardo 17.

L’assicurazione contro la disoccupazione in Svizzera nasce alla fine del XIX secolo ed è il risultato di una serie di movimenti di protesta da parte delle lavoratrici e dei lavoratori, che, attraverso la lotta di classe, esigevano il diritto di poter sostentare ai propri bisogni anche quando il loro diritto al lavoro non veniva rispettato. Oggi la situazione si è ribaltata, l’attuale URC, incaricato di aiutare le persone a rientrare nel mondo del lavoro, è stato impregnato dall’ottica di mercato predominante: quella neo-liberale. Questo ha provocato tutta una serie di problemi, che in parte possiamo elencare qui di seguito:

  • È un’assicurazione ma si comporta come un’agenzia privata di collocamento, preoccupandosi più delle cifre che riescono ad ottenere che delle persone che hanno perso il loro diritto al lavoro;
  • Stigmatizza le/i senza impiego, colpevolizzandole/i della loro situazione e facendo sì che le persone disoccupate non si rivolgano immediatamente a loro dopo la perdita del lavoro;
  • Esige delle continue ed estenuanti ricerche di lavoro senza alcun criterio, fomentando quindi la pressione al ribasso dei salari e la precarietà dei posti di lavoro facendo apparire la concorrenza del mercato del lavoro anche maggiore;
  • Le/I giovani che non riescono a trovare un apprendistato o una formazione dopo la scuola dell’obbligo vengono iscritti a dei corsi “motivazionali”, sottintendendo che il fatto di non potersi formare sia una questione di volontà;
  • Spinge le/gli iscritte/i ad accettare qualsiasi forma di lavoro, sia essa precaria, part-time e/o all’infuori dell’ambito di formazione della persona senza impiego.
  • Attraverso i “programmi occupazionali” si sfruttano le/i disoccupate/i fornendo alle aziende manodopera a basso costo e facendo svolgere alle persone mansioni più o meno sensate;
  • L’URC collabora strettamente con le agenzie private di lavoro, costringendo le/gli assicurate/i a cercare un lavoro part-time e/o su chiamata e fomentando una pratica (quella delle agenzie interinali) che per noi rappresenta la schiavitù del XXI secolo.

Per queste ragione vi invitiamo a manifestare con noi

il Giovedì 28 marzo alle 14.00 davanti all’URC di Lugano, in Via S. Gottardo 17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *