Libertà per Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ!

Gli attacchi del governo turco nei confronti del movimento politico curdo e dei progressisti continuano a crescere. I due co-rappresentanti del partito filo-curdo HDP Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ, sono stati arrestati durante la notte del 3 novembre. L’HDP è un grande partito di opposizione e ha ricevuto più del dieci per cento dei voti alle ultime elezioni parlamentari in Turchia, diventando il terzo partito in parlamento. Oltre a Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ, il capo sezione Idris Baluken e altri importanti esponenti dell’HDP sono stati arrestati. Il motivo dell’arresto è un’accusa di presunta vicinanza ad attivisti del partito curdo dei lavoratori PKK, così come per tutti gli altri arresti di politici dell’HDP.

Dopo il fallito colpo di stato del luglio scorso, il governo di Erdogan ha aumentato massicciamente la repressione e rimosso, tra le altre cose, l’immunità parlamentare. In seguito molte persone, critiche nei confronti del governo, oltre che diversi politici dell’opposizione, sono stati arrestati, tra gli ultimi i sindaci della più grande metropoli curda, ma anche alcuni giornalisti del quotidiano “Cumhuriyet”.

La Turchia ha eliminato le ultime parvenze di uno Stato di diritto, una dittatura brutale è ormai chiaramente instaurata. La Svizzera non deve chiudere gli occhi di fronte a questi fatti che impediscono l’esercizio dei diritti politici in Turchia così come di fronte agli attacchi diretti contro il più grande partito di opposizione, l’HDP, con pretesti a dir poco dubbi.

Il Partito Svizzero del Lavoro / Partito Operaio e Popolare (PST / POP) chiede il rilascio immediato di tutti i prigionieri politici e la fine della guerra contro i curdi e contro ogni persona progressista. Il PST / POP esprime tutta la sua solidarietà alle organizzazioni e alle minoranze perseguitate dal governo.

Il PST / POP richiede alla Svizzera di sospendere ogni sostegno politico ed economico verso il regime e di sfruttare tutti i mezzi politici e diplomatici a disposizione per forzare la liberazione dei prigionieri politici. I gruppi vicini all’AKP e le organizzazioni fasciste turche devono essere proibite per garantire la sicurezza dei progressisti curdi e turchi in Svizzera.

Partito Svizzero del Lavoro / Partito Operaio e Popolare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *